bottone livetv

bottone ondemand

bottone tg

Nell’Antica Roma, 5 Marzo: Navigium Isidis: origine vera di Carnevale e Pasqua!

5 marzo nave dcei folli

Oggi scopriamo la vera origine, romana e mediterranea, antichissima del Carnevale e della Pasqua!

(La nave dei pazzi)

 

 

di Daniele Vanni

Marzo: mese di Marte, Dio della Guerra e quindi tempo della “pulizia” delle trombe di guerra, importate dall’Etruria, benedizione e purificazione fatta nel mese precedente: Februatio, di esercito e cavalli, perché si appropinqua la stagione adatta alle battaglie di conquista!

Marte: anche dio del tuono che scuote e risveglia la Natura, e quindi feste in onore di Iside, per il ritorno della primavera ed anche la ripresa della navigazione, con i venti che non rovesciano i cavalloni e le onde alte e scure d’inverno, ma lo increspano dolcemente gonfiando le vele che portano merci in arivo o in vendita, ma anche spingono le navi da conquista!

Il Navigium Isidis (la nave di Iside) era un rito in maschera molto festoso dedicato alla vicenda della dea Iside.

Ella fa risorgere il suo sposo Osiride dopo aver ritrovato, viaggiando per mari, tutte le parti del suo corpo smembrato.

La celebrazione della vicenda di Iside venne diffusa nella religione romana in tutto l'impero verso il 150 d.C..

La festa, che si teneva nella prima luna piena dopo l'equinozio di primavera, consisteva in un corteo in maschera in cui un'imbarcazione di legno veniva ornata di omaggi floreali.

Con la tradizione cattolica il Navigium Isidis è stato diviso in Pasqua (resurrezione dello smembrato dopo l'equinozio di primavera), e Carnevale (carrus navalis, la processione delle maschere).

In questo rito, Iside veniva celebrata in quanto simbolo del Principio femminile e della sua fertilità, che domina l'esistente.

 Nell'originario mito egizio, Iside viaggia per mari alla ricerca delle parti del corpo dello smembrato marito Osiride; le ritrova tutte, tranne il fallo, le ricompone e lo fa risorgere.

Nel rito romano, veniva costruita un'imbarcazione di legno ornata di omaggi floreali, la quale veniva prima fatta trasportare dalle acque del Tevere, poi seguita dalla folla in maschera che compiva, la maggior parte delle volte, riti canori.

Il Navigium Isidis si teneva in data variabile, corrispondente alla prima luna piena seguente l'equinozio di primavera.

Il Navigium Isidis è stato poi sostituito dalla celebrazione della resurrezione di Cristo, la Pasqua cristiana, dopo che, nel 391, il cattolicesimo venne ufficializzato come religione dell'Impero Romano; la Pasqua ha mantenuto la datazione legata alla prima luna piena dopo l'equinozio di primavera.

Per evitare la sovrapposizione tra Pasqua e Navigium Isidis, il Navigium venne spostato indietro di quaranta giorni, edulcorato e rinominato in Carnevale (carrus navalis). La festa del Navigium Isidis è stata quindi divisa in due dalla Chiesa Cattolica: la parte della resurrezione dello smembrato Osiride è confluita nella Pasqua; la parte della processione delle maschere è confluita nel Carnevale!

Descrizione di Apuleio

Apuleio, nel suo romanzo: Le metamorfosi, ha descritto il Navigium Isidis; le navi di Nemi dell'imperatore Caligola erano probabilmente dedicate a questo rito, in quanto corrispondono alla descrizione di Apuleio.


telnet 230x230        sice 230x230

Info e note legali

Seguici su...

facebook twitter youtube rss

 

Contattaci

Logo DiTV PNG

Via Tazio Nuvolari, 53
55061 Carraia - Lucca - Italy
Tel 0583 462209
Fax 0583 1929109
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.